Tetralogia della strada

Io sono un senzatetto.
Io sono un senza corpo.
Un ammasso unico coi miei panni e il mio cappotto.
Un solo guscio per ogni stagione.
Sono un unico dolore: lo stomaco bruciato dal vino e dalla fame, la schiena rotta dal selciato separato dal cartone.
Io sono solo ciò che mi porto appresso, un tutt’uno con lo sporco, ciò che chi è fortunato abbandona al cesso.
Sono l’uomo senza sonno, che quando dorme è alla mercè del mondo.
Avvolto in una coperta, come uno scarto a lato strada.
Se qualcuno passa, può far di me quel che gli aggrada.

——————————————–

E pass e spass sott’ a stu balcon ma tu sì guaglion…
Cu ‘na parrucca ‘n cap.
E ‘a borz sott’o raccio.
In Via del Pigneto.
Parl tu sul’.
Dalla finestra vedo la stoffa a quadri coi capelli cuciti sopra. Te ne manca un pezzo. Chissà con quale vaiassa t sì fatt’afferrà pe pazzo.
Chill è nu buon guaglion ma c peccat ca è nu poc ricchion…”
Quando ti guardo mi fai impressione. Le gote rosse, lo sguardo morto.
Quando ti guardo è medicina, tu c’hai la faccia da bambina.

——————————————–

Io sono un gigante nero.
Parlo italiano e straniero.
Sono africano con occhi di diamante, la mia voce è tuono roboante.
Sono guardia di quartiere, controllo tutto quello che si muove, riferisco a chi di dovere che succede in queste ore.
Se mi incontri troppo spesso fà che nemmeno mi hai visto. Io non passo inosservato, sono alto due metri, vesto di rosso e mi muovo sfacciato.
Spingo, sorpasso e scanso l’altra gente…sono un capo di quartiere, non mi frega niente.
Sono gentile coi bambini. Faccio volare lo zingaro in cielo. Non parla, ride, gli occhi chiusi, dietro un velo. È la legge della strada: bocca muta e ogni cosa non guardata è stata già dimenticata.

——————————————–

Stann ‘e cas ‘ncopp ‘a Prenestina, chelli figli’e ‘na bucchina.
Stann scav’z p’a strad o cu ‘e zuocc’l ca chi sap arò l’anna pigliat’.
Stann allert ‘n funn’o tram, cu ‘e capill tutt scagnat’, cu l’ogne long e scurtecat e ie m’assett’annanz a ‘llor, teng ‘o cellular ‘n man, tal e qual a chelli femm’n, e scrivimm’ a chill’uomm’n ca c’abbrucen’int ‘a cap.
Cu ‘a panz ‘a for e ‘e cosce stort, se metten ‘e cazun curt.
Parl’n sudamerican’ e se sbatt’n san san.
I connotati deformati dalla droga e il trucco sfatto. Il silicone in petto.
I macellai di Bahia. Eu quero um corpo feminino.
Scendo al prossimo destino.

 

 

 

Credits: Frame from “Les amants du Pont-Neuf“, (1991) , directed by Leos Carax

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...