Bestia

Che pena.
Che pena mi fa l’animale, quando mi dimentico della sua esistenza.
Quando per un intero giorno non gli dò da mangiare, quando non gli apro la porta, non gli faccio una carezza sulla testa nemmeno con un piede.
Che pena mi fa quell’animale solo. Al buio. Quando di notte devo rinchiuderlo in stanza per l’ennesima volta.
Che pena mi fa vederlo masticare con foga dopo ore di digiuno e con una fame abominevole per mia trascuratezza. Pena mi fa, a spegnergli la luce mentre si ciba: mi auguro che ci veda anche al buio. Chissà se poi resta immobile, paralizzato dalla mia assenza.
Non penso mai a quell’animale domestico. Quando lo guardo, quando alla sera mi ricordo che esiste per puro accidente, solo perché è riuscito a evadere e, pericoloso, me lo ritrovo tra le gambe, la sua gioia immotivata, il suo saltarmi intorno, ignorato, dimenticato…mi fanno pena.
Che pena che mi fa il bisogno d’attenzione e d’amore.
Che pena mi fa un essere che non amo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...